· 

Una pausa

 

Mi sono solo presa una pausa.
Una pausa apparente, perché in queste due settimane ho pensato, progettato, parlato e lavorato di più ma in modo diverso.
Mi sono presa una pausa dalla frenesia di arrivare a sera e aver fatto tutto e avere tutto sotto controllo, dai letti ancora sfatti e dai piatti da lavare.
Mi sono presa una pausa per gustarmi il sorgere del sole col caffè sul balcone.
Per asco...ltare il silenzio di una camminata nel parco quando ancora tutti dormono e gli uccelli mi danno il buongiorno.
Per inventarmi colazioni speciali da mangiare con chi amo.
Per prendermi in giro mentre racconto di me.
Per chiacchierare con calma e con cuore.
Per imparare e insegnare la consapevolezza.
Mi sono presa una pausa per migliorarmi e poter dare sempre il meglio.

Perché ci si anestetizza di adrenalina, convinti che solo al cento per cento si possa essere felici.
E ci dimentichiamo che i numeri nel mezzo, quelli per arrivare a cento, sono le cose che davvero ci caricano la vita.
Sono la normalità, i sorrisi e i momenti semplici in cui ci sono davvero tante cose buone.
Ecco, ho preso un pausa per gustarmi quei numeri da zero a novantanove.

 

Scrivi commento

Commenti: 0